• Bunker48

StrongMan Pesanti

Chili sul Bilanciere o Chili sul girovita?






Il Mondo dello StrongMan è sicuramente alla ribalta del grande pubblico grazie alle prestazioni fenomenali di atleti come Eddie Hall o Hafthor Bjornsson, in grado di superare ogni limite umano sollevando carichi mostruosi come 500kg di DeadLift o di trasportare sulla schiena oltre 700 kg di Bale Yoke. Tutto questo pesando intorno ai 200kg in un mix performante di altezza superiore al metro e novanta, una muscolatura sovradimensionata ed anche una buona percentuale di grasso corporeo. Nei vari video su YouTube e dalle interviste emerge come questi atleti d’elité debbano ingurgitare quote caloriche vicine, se non superiori, alle 10.000 kcal giornaliere per potersi permettere di restare ad un peso corporeo che gli permetta di essere competivi. Questo significa che tutti gli StrongMan devono ingozzarsi di cibo per essere competitivi? ASSOLUTAMENTE NO!!! Cerchiamo di capire insieme il perché… nel mondo reale e competitivo, gli atleti con corporatura tale da poter competere nelle categorie Open di peso sono la minoranza. La grande parte degli atleti possiede un’altezza nella media del metro e ottanta per gli uomini e del metro e sessanta per le donne. Altezza che, insieme alle caratteristiche antropometriche individuali (corporatura, lunghezza degli arti, rapporto arti\busto, ossatura, etc.) non è sicuramente idonea ad approdare agilmente nella categoria Open, dove la media si attesta intorno ai due metri per gli uomini e superiore al metro e settantacinque per le donne. Esistono ovviamente delle eccezioni a quanto appena detto, vedasi Vitutautas Lalas, Campione dell’Arnold Classic 2013 alto un metro e settantasette. Ma il resto di noi comuni mortali cosa dovrebbe fare? Continuare ad ingozzarsi convincendosi che le calorie servono a questo Sport, perché lo fanno i Campioni o scegliere una categoria di peso e cominciare a lavorare per riempirla? Ovviamente la seconda opzione è l’unica via percorribile, che ci permette di essere competitivi e longevi in questo Sport, nonostante restare a dieta possa risultare stressante per molti. Facendo riferimento alla tabella di Sheiko, possiamo notare come il grande allenatore russo, indichi dei pesi corporei ideali relativi all’altezza individuale particolarmente impegnativi, specie avvicinandosi a quella famosa altezza media degli atleti. Quello che Zio Boris non specifica è con quel peso si intende un peso “atletico”, quindi riferito ad un soggetto maschile con il 15% di grasso corporeo ed il resto di ossa, acqua e MUSCOLI! Sì, muscoli!!! Non grasso, perché il grasso corporeo non è contrattile e quindi non sviluppa Forza. I muscoli, invece, si contraggono e grazie ad essi è possibile aumentare i chili sul bilanciere. Tengo a ribadire che questo discorso è valido per gli atleti “nella media”, quindi tutti quegli sportivi che dovrebbero affacciarsi alle categorie u80, u90 e u105, in virtù di un’altezza non superiore al metro e novanta, in quanto per gli Open anche il grasso cambia la leva biomeccanica in alcuni esercizi, favorendola.



Scarica l'articolo completo QUI

BUNKER48
Via Negrelli, 10 Livorno
© 2019 Bunker48. All rights reserved.
www.bunker48.it
Coaching online
Strongman e Powerlifting gym